in caso di necessità

 Negli ultimi due giorni, in Calabria:

 a Stalettì, nel catanzarese, un uomo ha tentato di uccidere una donna – che ne aveva chiesto l’ammonimento per episodi pregressi di violenza, senza però denunciarlo mai – investendola mentre camminava per strada. Non soddisfatto di averla travolta una prima volta, l’uomo ha ingranato la retromarcia colpendo ripetutamente il corpo maciullato sull’asfalto. La donna è in fin di vita, e i mezzi di informazione ci tengono a farci sapere che quando le forze dell’ordine hanno trovato l’uomo, che si nascondeva in un casolare, quest’ultimo ha avuto un malore. (fonte fonte)

Un uomo di Pentone, sempre in provincia di Catanzaro, è finito in carcere con l’accusa di aver maltrattato la moglie, tanto che la donna sarebbe stata costretta a chiudersi in una stanza per giorni con i figli. Comparso in tribunale, l’uomo ci ha tenuto a mostrare una ferita al braccio sinistro procuratagli dalla moglie nel corso della “lite” (fonte)

a Isola Capo Rizzuto, nel crotonese, un uomo è stato arrestato con l’accusa di maltrattamenti in famiglia, lesioni e minacce nei confronti della moglie.Nel luglio scorso l’ha anche minacciata con un coltello, picchiandola con calci e pugni. Dopo l’ennesima aggressione la donna ha deciso di denunciare il marito (fonte)

Il 31 ottobre Adele avrebbe festeggiato il compleanno, e invece due anni fa, l’uomo che aveva lasciato, la strangolava in un campo del lametino e infieriva su di lei con una canna appuntita. Eri nel fiore della vita, Adele.

 Care donne che vivete in Calabria, come me. Il Centro Lanzino da pochissimo ha un nuovo sito , una nuova dimora, ma ha una lunga storia come presidio di donne contro la violenza. Il loro telefono è: 0984 36311, usiamolo senza indugio, in caso di necessità.2013-11-02 12.05.30

<< HELMER  Separarmi… separarmi da te! No, no, Nora, non posso adattarmi a quest’idea.

NORA (entrando nella stanza a destra) Ragione di più per finirla. (Rientra portando cappello e soprabito e una valigetta che posa sulla sedia accanto al tavolo) […]

Si sente il tonfo della porta che si chiude>>

Henrik Ibsen, Casa di bambola, atto III, trad. di Anita Rho, Einaudi 1997

foto di doriana righini

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...