La cultura dello stupro (colpisce ancora).

(foto di Giulia Fontechiari, Parma 13 aprile 2012)

Lo stupro di gruppo di una ragazza sedicenne, per Antonio Marziale – presidente dell’Osservatorio sui diritti dei minori – “deve indurre a serie riflessioni sullo stato di abbandono in cui versano gli adolescenti”.  

Non riferendosi con ciò a ragazzi ai quali i genitori non hanno dedicato sufficienti energie per insegnare loro che esiste un altro modo di relazionarsi che non sia quello della sopraffazione, che quando una ragazza dice “no” è NO, che le donne non sono oggetti da possedere e che lo stupro è un crimine orrendo che devasta vite; non si riferisce alla responsabilità di istituzioni e mezzi d’informazione che attribuiscono, alle conseguenze dello stupro, insufficiente e deviata rilevanza sociale, il che influisce pesantemente sul sentire comune; o ad altri fattori determinanti, che stanno alla base di qualunque riflessione riguardante la violenza di genere.  No, Antonio Marziale sostiene « […] Abbandono  perché a quell’età e in certi orari non si dovrebbe andare per locali dove la trasgressione regna sovrana e dove la somministrazione di bevande alcoliche e sostanze stupefacenti è all’ordine del giorno. Occorre informarsi debitamente sulle frequentazioni dei figli e, soprattutto, imporre regole anche restrittive, come il rientro entro orari adeguati […]>>

Ho difficoltà a controllare le mie emozioni di fronte a simili affermazioni, fatte da un uomo che peraltro ricopre un ruolo non qualunque. Sono semplicemente inaccettabili.

E’ la cultura dello stupro che colpisce ancora  una volta, perchè se è stata stuprata è colpa principalmente della ragazzina che avrebbe dovuto limitare la sua libertà di movimento; è colpa della madre che l’ha abbandonata, che non è stata sufficientemente severa nell’imporle di non uscire con gli amici; è colpa dell’alcol se dei ragazzi si trasformano in bestie feroci; è colpa dei locali notturni, di luoghi di perdizione; perchè è inevitabile ed è normale che le donne che non vogliono essere stuprate, specialmente se sono giovani, non se la devono cercare.

“ […] E’ inaccettabile il pensiero che ancora e sempre con maggiore frequenza siamo costrette ad assistere alla violazione della libertà di una ragazza violentata dal branco.

Il Centro contro la violenza alle donne Roberta Lanzino ribadisce che la violenza sessuale è uno strumento di esercizio maschile sull’ affermazione della libertà delle donne. […]”

Immagino una madre, i suoi sentimenti mentre cerca di convincere la propria figlia ad andare dai carabinieri a denunciare il proprio stupro. Anche io sono madre. E mi immagino di nuovo sedicenne, l’espressione di madre mentre accoglieva le mie richieste di uscire la sera, con una certa dose d’ansia (ho imparato con l’età) ma facendomi sentire una persona libera di muoversi nel mondo (in un mondo che non è affatto bello, mi tocca imparare ogni giorno),  aiutandomi ad essere autonoma e responsabile. E le sono immensamente grata.

9 comments

  1. che vergogna esistono ancora certi elementi:ma finchè non li si punirà come si deve esisteranno sempre. E poi sto constatando, con grande mio rammarico, che le ragazze al giorno d’oggi superano molto di più i maschi in fatto di volgarità e mise troppo succinte. Forse è il caso di farci prima noi adulti, un esame di coscienza su come stanno crescendo e vivendo certe situazioni i nostri ragazzi/e ed aiutarli come meglio possiamo se vogliamo creare un nuovo mondo senza violenze. Saper guardare prima in casa nostra ciò che sta avvenendo e poi giudicare gli altri Buona serata

    Ps e non guardare sempre ciò che fanno gli altri!

  2. purtroppo non credo che punizioni esemplari risolverebbero un problema come questo, culturale e millenario. quanto alle minigonne ed agli abitini aderenti, credo che ognuna dovrebbe poter scegliere liberamente il proprio abbigliamento senza per questo essere stuprata o anche solo importunata. come dici tu, sonia, si parte dall’educazione familiare, tuttavia i “messaggi” provenienti dal mondo al di fuori del microcosmo familiare contano anche.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...