“Il massacro delle donne”. Good morning Calabria!

In copertina, sul Quotidiano della Calabria, oggi campeggia il titolo: “Il massacro delle donne”.

E siamo a siamo a 28 donne uccise dall’inizio dell’anno. Le ultime tre in Calabria: Barbara Indrieri e Rosellina Indrieri (26 e 45 anni), figlia e madre, ammazzate per una vendetta trasversale di ‘ndrangheta a San Lorenzo del Vallo; e Andrea Marcela Iordache (neanche 20 anni) assassinata  per essersi rifiutata di tornare con l’ex convivente, a Strongoli.

Nonostante il modo in cui risolve il caso il Procuratore della Repubblica di Crotone, Raffaele Mazzotta- come un fatto che va contestualizzato nella situazione di grande miseria della comunità rumena” (vedi video) – quello di Andrea è l’ennesimo caso di femminicidio.

Andrea avrebbe voluto un telefonino in regalo per i suo 20 anni (il 6 marzo), questo ha continuato a ripetere piangendo per tutta la giornata la madre, che aveva cercato di convincerla a lasciare quell’uomo violento, e che aveva già denunciato Florian Busliuc tre-forse quattro- volte per i maltrattamenti nei confronti della figlia.

Poteva essere evitata la morte di una cosi’ giovane donna, (magari  una diffida a qualcosa sarebbe servita) ?

Piu’ di una volta Andrea aveva cercato di allontanarsi dall’ uomo, ma alla fine lui era riuscito sempre a “persuaderla”.Questa volta pero’ lei era assolutamente decisa, e di fronte al suo secco rifiuto Busliuc ha preso un coltello da cucina lungo 18 centimetri e l’ha colpita ripetutamente al petto, mentre cercava di fuggire in giardino.

Bella, alta, un po’ robusta, solare, giocava sempre con i figli(dal Quotidiano, p.9) Cosi’ la ricordano nella comunità rumena, e i figli per una pura casualità non sono stati presenti all’assassinio .


Piu’ che essere bersaglio di vendette trasversali, le donne sono state utilizzate per fare pressioni sui loro familiari pentiti o in procinto di pentirsi” Renate Siebert

Questa volta pero’ pare proprio che siano state ammazzate per vendetta, Barbara e Rosellina, quest’ultima compagna di Gaetano De Marco, fratello di Aldo De Marco, l’uomo che esattamente il 17 gennaio scorso uccise Domenico Presta, figlio del latitante boss di Tarsia Franco Presta. Freddate sotto una raffica di colpi sparati all’impazzata, in un’azione precisa e determinata, studiata nei minimi dettagli. Un cadavere di donna rimasto appeso ad una ringhiera , nessuno dice dice averlo visto, per molto tempo…

“”Mi pare che il tentativo di leggere il fenomeno mafia a partire da un punto di vista di donna non possa che sottolineare l’ambivalenza dei codici mafiosi nei confronti della famiglia. L’importanza che questa istituzione assume nelle strategie della mafia appare motivata, principalmente, da considerazioni di opportunità. Osannata come valore, rigidamente difesa in base a criteri formali e funzionali, la famiglia assume una duplice veste: da una parte strumento cardine per l’esercizio della signoria del territorio, dall’altra modello organizzativo delle proprie attività criminali.

La manipolazione delle reti parentali e l’uso strumentale degli affetti familiari fino al sacrificio della vita stessa dei parenti stretti sono impegni che l’aspirante mafioso s’incarica di rispettare al momento dell’iniziazione.””(R.Siebert-Le donne, la mafia)

Voglio ricordare:

Lea Garofalo , uccisa dall’ex compagno-padre di sua figlia- per essersi ribellata alla ‘ndrangheta, e beffata dalla “legge” che l’ha definita erroneamente collaboratrice di giustizia…

Angela Costantino , moglie di Pietro Lo Giudice , uccisa e fatta sparire per difendere l’onore della famiglia…

Barbara Corvi, cognata di Angela, moglie di Roberto Lo Giudice, scomparsa piu’ di un anno fa , ancora di lei non si hanno nitizie…

Annunziata Pesce, doppiamente colpevole e quindi assassinata, per aver avuto una relazione al di fuori del matrimonio e per aver amato un carabiniere  :


“”di DANILO CHIRICO E ALESSIO MAGRO
Per molto tempo ha vissuto nascondendosi, forse vergognandosi. Poi l’hanno ammazzata, per una questione d’onore. E per trent’anni è svanita. Persino dal ricordo delle persone. Non ha avuto una storia, una faccia, semplicemente il proprio nome. Tutto è andato perso dentro la memoria corta e colpevole della Calabria. Oggi, da morta, le arriva un piccolo e certamente insufficiente risarcimento. Da morta, si riappropria di sé: si chiama Annunziata Pesce, è stata uccisa nel 1981. A “riportarla in vita” un’altra donna, un’altra Pesce. È Giuseppina, la pentita della cosca. La giovane donna che ha svelato le trame perverse che regolano la vita del clan, la vita dei rosarnesi. E che ha raccontato questa storia lontana, dimenticata. Un contributo prezioso – insieme a quello degli altri ‘ndranghetisti che hanno iniziato a collaborare in questi mesi – per il lavoro importantissimo che stanno conducendo i magistrati di Reggio Calabria che, non a caso, sono diventati spesso oggetto di minacce e intimidazioni.

Annunziata era colpevole di avere amato un carabiniere. Un’onta che una cosca come quella dei Pesce proprio non poteva accettare. E pazienza se per conservare l’onore è necessario uccidere il sangue del proprio sangue.

Nel libro “Dimenticati. Vittime della ‘ndrangheta”, pubblicato lo scorso ottobre, abbiamo raccontato la storia di oltre 250 morti ammazzati dalla ‘ndrangheta negli ultimi decenni. Minuziosamente abbiamo provato a recuperare piccole e grandi storie di donne e uomini uccisi e che lo Stato, la Calabria, il proprio piccolo paese, i vicini di casa hanno dimenticato. Un lavoro doloroso, che consideravamo e consideriamo necessario per provare a ricostruire – pezzo dopo pezzo – un’identità nuova per la Calabria che non può prescindere dalla memoria e dal senso di sé. Un intero, e lunghissimo capitolo, di questo libro è dedicato all’onore (e al disonore). Perché consideriamo necessario riscrivere il senso di questa parola che cambia colore e significato a seconda della persona che la pronuncia. L’onore è tutto per lo ‘ndranghetista, e il metro con cui si giudica un uomo d’onore poco ha a che fare con le regole civili. E troppo spesso onore fa rima con dominio sessuale. E se le donne hanno trovato, combattendo, la loro liberazione, il partito dell’onore è ancora vivo e vegeto, trasversale, potente, radicato al nord e al sud. In questo contesto si inserisce la ‘ndrangheta, custode arcaica e moderna di questo malinteso senso dell’onore.

Annunziata Pesce ha tradito l’onore due volte. Ha avuto una relazione extraconiugale. E, quel che è peggio, l’ha avuta – lei figlia di una famiglia di rispetto – con un carabiniere, uno sbirro. Nel libro “Dimenticati” c’è anche la storia di Annunziata, la più dimenticata tra i dimenticati. È quasi un fantasma nelle righe che le abbiamo dedicato, perché di un fantasma si tratta nel senso comune della Calabria e dell’anti-‘ndrangheta. Così abbiamo raccontato la sua storia senza sapere quale fosse il suo nome di battesimo. Ci abbiamo provato a scoprirlo, abbiamo chiesto e non abbiamo avuto risposte. Nessuno ne aveva memoria. Abbiamo deciso di scrivere lo stesso della sua storia, della sua decisione di violare l’educazione sentimentale della famiglia. Proprio mentre chiudevamo il libro, siamo riusciti a scovare le dichiarazioni dello storico e controverso pentito Pino Scriva, boss della Piana di Gioia Tauro. Ha raccontato che prima di farla fuori l’hanno seguita per avere la certezza del “tradimento”, scoprendo che incontrava l’amante in una pensione sulla costa tirrenica. Nelle sue dichiarazioni del 13 dicembre 1983 Scriva sostiene che la figlia di Salvatore Pesce, fratello del boss Peppe, e proprietario di una ruspa utilizzata per il movimento terra, è stata «sequestrata a Bagnara per motivi d’onore. La ragazza, sposata, aveva una relazione con un carabiniere di Rosarno e ciò per l’ambiente è fatto di particolare gravità». La ragazza «fu portata dai suoi fratelli latitanti e ivi uccisa e seppellita». Lo stesso Scriva ammette che i fatti gli sono stati raccontati, che la donna può anche essere stata mandata all’estero «evitando a Rosarno lo scandalo che si era creato». Una traccia.

Adesso, in questa nuova e importante stagione di pentimenti, grazie alle dichiarazioni di Giuseppina Pesce e al lavoro della procura antimafia di Reggio, conosciamo un altro tassello di verità in questa storia agghiacciante. La pentita ha raccontato di avere saputo, scrive Peppe Baldessarro su questo giornale di qualche giorno fa, «che “i sardignoli” (un braccio della famiglia) avevano una sorella sposata, Annunziata Pesce, la quale aveva avuto una relazione extraconiugale con un carabiniere». Di qui la decisione di ucciderla. Era l’aprile del 1981. A deciderlo sarebbe stato il vecchio boss Giuseppe Pesce, nonostante il tentativo dei “sardignoli” di risparmiarla. Secondo Giuseppina, «l’esecuzione della donna sarebbe stata eseguita da Antonino Pesce, 57 anni, e dallo stesso fratello della donna, Antonio Pesce di 47 anni». Perché per fare giustizia in questi casi è necessario che sia la stessa famiglia, che un familiare diretto sia presente.

È prezioso nel contrasto ai clan il contributo dei collaboratori di giustizia. Da questo punto di vista per Reggio s’è aperta una stagione che rischia di diventare storica dal punto di vista delle inchieste della magistratura e delle forze di polizia. Importantissime dimostrano di essere anche le dichiarazioni di Giuseppina Pesce che fanno chiarezza sulle cosche rosarnesi e riportano alla luce storie dimenticate.

Che non sia l’occasione anche per avere nuovi e importanti elementi su un’altra storia dimenticata avvenuta a Rosarno qualche decennio fa: l’omicidio del segretario della sezione comunista del Pci Peppe Valarioti, ucciso a trent’anni l’11 giugno 1980.

Quotidiano della Calabria il 28 novembre 2010″”

3 comments

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...