Sei incinta? Stai a casa.

Incredibile ma vero.

Oggi leggo un comunicato della Consigliera di Parità Ciarletta, che parla di una “sentenza storica del Tar di Catanzaro”.

Il fatto è questo: una biologa partecipa ad un concorso per dirigenti presso l’Arpacal, supera la prova scritta e viene ammessa agli orali. Visto che viene convocata nel periodo in cui dovrebbe partorire ( eh si, ci concediamo il lusso perfino di fare figli), chiede di posticipare l’orale. La Commissione (sarei curiosa di sapere quante donne ne fanno parte) le nega questa possibilità ma le concede (come son generosi) di sostenere la prova in una sede piu’ vicina al suo domicilio. La “porella” accetta anche, ma non le viene MAI PIU’ comunicata la sede, e partorisce il giorno prima della data dell’orale. L’informazione successiva che ha, riguarda l’avvenuta pubblicazione della graduatoria finale del concorso.

E’ stata ignorato il diritto ad esistere di una partecipante al concorso, sempre per la serie: le donne, quale cittadinanza?

In un bellissimo articolo di Giovanna Vingelli, “Economia, uguaglianza, disuguaglianze: una lettura femminista”(2009) si legge:

“..le donne non occupano mai le posizioni apicali, laddove sono presenti solo piccolo minoranze. In Italia, nelle aziende quotate, si riscontra che nel 63,1% dei casi non figura alcuna donna nel CdA; considerando il numero totale dei component dei CdA, su 2.217 consiglieri, solo 110 sono donne, pari al 5%. Nelle banche, su un campione di 133 istituti di credito, il 72,2% dei CdA non conta neanche una donna tra I loro componentiIn generale, su un campione di 1748 componenti presenti nel CdA del campione, ci sono solo 46 donne, pari al 2,36%. Anche se le donne rappresentano il 40% dei dipendenti, solo lo 0,36% delle donne ha la qualifica di dirigente contro il 3,11% degli uomini…. (Rapporto 2007 Donne Innovazione Crescita)”

Quando riusciremo a rompere il “soffitto di cristallo” che impedisce alle donne di accedere ai piu’ alti livelli dirigenziali? In economia si parla di “segregazione occupazionale”, in questo caso verticale.

Questione di merito? Pare proprio di no. le donne hanno raggiunto o superato gli uomini a tutti i livelli di istruzione: in Italia, infatti, le donne sono più numerose non solo tra i laureati (il 58% dati MUR relativi al 2008), ma anche tra gli studenti di dottorato (51.7%, Eurostat, 2009).

Pare piu’ che altro che nelle aziende, e non solo, il criterio della competenza sia valutato in maniera “soggettiva”. Sei incinta? Stai a casa. Allora un evviva a chi non si arrende, come la giovane biologa di Catanzaro che ha fatto ricorso, ed evviva anche a chi l’ha sostenuta in questa battaglia di civiltà.

Dal comunicato della Consigliera Stella Ciarletta:

“Sentenza storica del Tar di Catanzaro nella lotta alle discriminazioni e per l’affermazione del principio di pari opportunità per uomini e donne in materia di accesso al lavoro: su ricorso presentato dalla lavoratrice e con l’intervento ad adiuvandum della Consigliera Regionale di Parità Stella Ciarletta il Tribunale Amministrativo Regionale ha disposto l’annullamento della graduatoria del concorso pubblico per titoli ed esami per la copertura di 2 posti come dirigente biologo presso l’Arpacal, nonché dei provvedimenti amministrativi con i quali l’Amministrazione ha escluso la ricorrente dalla prova orale in quanto in stato di gravidanza, violando così un principio costituzionale nonché la normativa in vigore in materia di pari opportunità e contrasto alle discriminazioni di genere, contenuta nel Codice sulle Pari Opportunità tra uomo e donna.

La sentenza assume un significato strategico, condannando una grave discriminazione operata dalla Commissione nell’escludere la concorrente dal concorso solo perchè in stato di gravidanza. E’ importante ricostruire brevemente i fatti: la dottoressa si iscrive al concorso e, superata la prova scritta, viene ammessa all’orale; la data di convocazione coincide con il periodo del parto e la concorrente chiede di posticipare l’orale a un giorno successivo. La Commissione esclude tale possibilità, ma concede di poter effettuare l’esame lo stesso giorno ma in un’altra sede più vicina alla donna, e malgrado la stessa accetti, suo malgrado, tale proposta, non le viene mai comunicata la sede dell’esame e, ironia della sorte, partorisce proprio il giorno prima. Dopo di che il silenzio dell’Amministrazione, che si interrompe solo con la pubblicazione della graduatoria finale del concorso”.
E’ evidente come la Commissione abbia ignorato le legittime richieste della concorrente, andando in aperto contrasto con i principi costituzionali di parità uomo donna sul lavoro e in particolare del Codice Pari Opportunità laddove vieta, all’art. 27, trattamenti discriminatori nell’accesso al lavoro.
In tal senso, scrive il Tar nel provvedimento “l’applicazione concreta di tali enunciazioni imponeva, nella specie, alla Commissione di consentire alla ricorrente di svolgere la prova orale successivamente al parto e nel rispetto delle condizioni di salute della madre e del bambino”.”Con la sentenza del Tar – afferma la consigliera regionale di parità Stella Ciarletta – si apre uno squarcio giuridico sul mondo delle discriminazioni in Calabria, che vede un mercato del lavoro ostile e irto d’ostacoli per le donne, tanto nel settore pubblico che privato, laddove in apparenza sembrano essere garantiti eguali diritti e opportunità per lavoratrici e lavoratori, ma in realtà, si perpetrano prassi illegittime e si penalizzano coloro che scelgono l’esperienza della maternità.
L’impegno come consigliera di parità è quello di eliminare i fattori che causano questi fenomeni discriminatori, principalmente dialogando con i datori di lavoro, siano essi pubblici o privati, per spiegare loro che la maternità è un valore aggiunto e non una condizione di svantaggio della lavoratrice madre e per trovare una soluzione condivisa in favore della permanenza della stessa sul posto di lavoro. Ma quando ci si trova di fronte un silenzio immotivato, allora è necessario ricorrere agli strumenti giudiziari per stigmatizzare prassi illegittime, ingiustificate e lesive dei diritti delle donne”.Giustizia, dunque, è stata fatta e l’Arpacal dovrà entro 30 giorni annullare la graduatoria e permettere alla giovane biologa di sostenere l’esame orale compatibilmente con le poppate del suo bambino, oltre che rimborsarle le spese legali sostenute per presentare il ricorso innanzi al Tar.
“Affinchè non succedano più casi simili, – conclude la Ciarletta – l’Ufficio della Consigliera Regionale di Parità rimane sempre disponibile a collaborare con la Direzione dell’ Agenzia per individuare le criticità che hanno determinato l’increscioso episodio e avviare un percorso condiviso di promozione delle pari opportunità sul posto di lavoro in favore del benessere dei lavoratori e delle lavoratrici. ” “

(foto: da riotclitshave.com e DonnedaSud )

4 comments

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...